lorenzo-perosi

Lorenzo Perosi eseguito nella rassegna “Organo e Liturgia“ a Pesaro

QUI L’ARTICOLO ORIGINALE DI MARIA RITA TONTI SU IL RESTO DEL CARLINO

Salire verso le vette dello spirito con “Organo e Liturgia“

La rassegna arrivata alla 32ª edizione inizia domani e si protrarrà fino al 28 agosto. Un ricchissimo programma

La rassegna Organo e Liturgia giunge quest’anno alla XXXII edizione, ed è in programma da domani al 28 agosto, ogni sabato e domenica alle ore 19. La direzione artistica è affidata al Maestro Nunzio Randazzo.

Maestro Randazzo, come è nata la manifestazione?

“Fu un’idea che il Maestro Padre Armando Pierucci, già docente di organo al Conservatorio Rossini ed organista titolare della Basilica del Santo Sepolcro a Gerusalemme, ebbe negli anni Ottanta del Novecento. Padre Armando è stato sempre un grande sostenitore dell’importanza della musica all’interno dell’azione liturgica”.

E come è continuata la rassegna?

“I frati Minori della chiesa san Giovanni Battista hanno continuato a promuovere l’iniziativa che è ormai diventata un punto di riferimento nella tradizione artistico-religiosa dell’estate pesarese”.

Quali sono gli appuntamenti principali?

“Quest’anno la rassegna, ad ingresso libero, si presenta particolarmente ricca per la presenza sia di musica organistica che vocale. Oggi avremo il Coro san Giovanni Battista diretto da Simone Baiocchi che eseguirà brani di Lorenzo Perosi. Nell’ultimo appuntamento ascolteremo l’Ensemble Vocale “I Laudesi“ diretti da padre Lorenzo Del Bene che proporrà laudi medioevali. Da ricordare anche il concerto di mercoledì 10 agosto alle ore 21,15 in collaborazione con il Festival Organistico Internazionale “Vespri d’Organo“”.

Chi sono i protagonisti della rassegna?

“In tutti gli altri appuntamenti allievi ed ex-allievi organisti del Conservatorio Rossini eseguiranno brani di importanti autori. Il compositore più rappresentato è J. S. Bach, che ha scritto un repertorio sacro vastissimo, ma sono presenti anche compositori più vicini a noi, a testimonianza che il repertorio organistico è stato sempre alimentato da composizioni per la liturgia”.

Che cosa rappresenta la manifestazione?

“In questi decenni “Organo e Liturgia“ è stata una significativa opportunità per tanti giovani organisti che si sono esibiti e hanno potuto dimostrare le loro qualità artistiche. Tanti di loro sono diventati organisti di fama e ricordano con gratitudine la partecipazione alla rassegna. D’altra parte il pubblico pesarese, e non solo, attende ogni anno con interesse l’inizio della manifestazione, recandosi sempre molto numerosa alle celebrazioni presiedute dal Guardiano della Comunità dei frati Minori, padre Aldo Marinelli”.

Maria Rita Tonti

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.